Home » Jet AWACS in Romania: la NATO prepara lo stormo

Jet AWACS in Romania: la NATO prepara lo stormo

Col fine di potenziare la presenza NATO sul fronte orientale, l'Alleanza disloca uno stormo di aerei di sorveglianza vicino Bucarest, in Romania: lo schieramento consentirà di individuare con anticipo eventuali minacce alla sicurezza dei Paesi alleati

Categorie Guerra Russia-Ucraina · Navi Militari · News
Vuoi leggere oltre 10mila articoli di scienza e tecnologia senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

La NATO sceglie di schierare uno stormo di aerei di sorveglianza jet AWACS in Romania nelle vicinanze della città di Bucarest. L’arrivo degli aerei Airborne Warning and Control System (AWACS) è previsto entro la giornata di oggi 17 gennaio 2023. Le unità avranno il compito di rafforzare la presenza dell’Alleanza nella regione e soprattutto monitorare le mosse della Russia. Dall’inizio della guerra la NATO ha aumentato sempre di più il numero di aerei militari in Europa.

L’Airborne Warning and Control System, in particolare, è un sistema inizialmente progettato per gli aerei Boeing ma col tempo il termine si è esteso andando a indicare anche altre piattaforme radar. I velivoli così equipaggiati sono in grado di rivelare le mosse di eventuali minacce poste a lunga distanza: grazie a queste informazioni è possibile attuare con successo missioni d’attacco o di difesa.

L’arrivo dei Jet AWACS in Romania

Oana Lungescu, portavoce della NATO, spiega che la guerra iniziata dalla Russia continua a minacciare la sicurezza in Europa. Il conflitto mette in pericolo i territori alleati vicini ecco perché la presenza della NATO è assolutamente necessaria.

“I nostri AWACS sono in grado di rilevare velivoli a centinaia di chilometri di distanza, il che li rende una capacità chiave per la deterrenza e la difesa della NATO. Ringrazio la Romania che avendo accolto le unità dà un importante contributo al nostro early warning“.

Come conseguenza della guerra tra Russia e Ucraina, la NATO ha potenziato la sua presenza aerea in Europa orientale. Molti aerei da sorveglianza, caccia e altri velivoli sono pronti ad agire in caso di necessità. Dal febbraio 2022, gli AWACS della NATO hanno effettuato regolari pattugliamenti volando sull’Europa orientale e sulla regione del Mar Baltico incalzando gli aerei da guerra russi troppo vicini ai confini della NATO.

Il ruolo del gruppo Jet AWACS in Romania

Gli aerei AWACS dell’Alleanza saranno presto schierati a Otopeni, vicino Bucarest. Il ruolo principale che assumeranno è quello di condurre missioni di sorveglianza aerea fino alla fine del mese. I Jet AWACS in Romania effettueranno voli di ricognizione esclusivamente sul territorio dell’Alleanza nei prossimi giorni; la missione durerà diverse settimane.

Gli aerei fanno parte di uno stormo di 14 velivoli di sorveglianza della NATO, solitamente con base a Geilenkirchen, in Germania. Circa 180 militari si stabiliranno all’interno della base dell’aeronautica rumena di Otopeni per supportare le operazioni.

La NATO sceglie di schierare uno stormo di aerei di sorveglianza jet AWACS in Romania precisamente nella città di Bucarest. L’arrivo degli aerei Airborne Warning and Control System (AWACS) è previsto entro la giornata di oggi 17 gennaio 2023. Le unità avranno il compito di rafforzare la presenza dell’Alleanza nella regione e soprattutto monitorare le mosse della Russia. Dall'inizio della guerra la NATO ha aumentato sempre di più il numero di aerei militari in Europa.
L’arrivo dei jet Airborne Warning and Control System (AWACS) è previsto entro oggi 17 gennaio 2023 (photo: NATO Airborne Early Warning and Control Force)

Non perdere gli altri articoli MarineCuE!

Come si comporta un drone in acque infestate da coccodrilli? Risponde a questa domanda ASI Group conducendo un test col ROV Saab Seaeye Falcon. Ovviamente la prova non aveva come fine semplicemente soddisfare una curiosità ma valutare l’impiego di robot in aree pericolose. Utilizzare un ROV o AUV è assolutamente necessario in alcuni casi per evitare di mettere a rischio le persone.

L’accordo tra Fincantieri e ONEX Group dà il via ad alla nuova linea di produzione di corvette Doha in Grecia. Le unità militari saranno costruite nei cantieri navali Onex Naval and Maritime di Elefsis. Questo accordo è molto importante non solo per i due gruppi ma per la Grecia. Porterà grandi vantaggi alla Difesa e soprattutto spronerà l’economia nazionale.

L’azienda Artemis Technologies lavora con grande zelo su barche volanti col fine di ridurre drasticamente le emissioni di anidride carbonica. Volendo essere precisi le imbarcazioni non volano nel vero senso della parola ma sfruttano gli stessi sistemi che consentono agli sportivi di sfrecciare durante le regate.

La Marina militare australiana chiede alla società Anduril di potenziare l’XLUUV Dive-LD per adattarlo alle necessità della forza armata: iniziano così i lavori per dare vita a Ghost Shark. L’esterno è realizzato con tecniche di stampa 3D mentre con altri processi ciò che riguarda i sistemi interni.

Il 30 novembre 2022, il missile AGM-88G AARGM-ER (Advanced Anti-Radiation Guided Missile Extended) di Northrop Grumman completa il suo quarto test di volo. Il missile AGM-88G AARGM-ER migliorerà le capacità non solo delle forze navali ma anche di quelle aeree e terrestri. Ad effettuare il lancio del missile AGM-88G AARGM-ER durante il suo quarto test di volo è il velivolo della US Navy F/A-18 Super Hornet.

Lascia un commento