Home » Ghost Shark: il nuovo XLUUV della Marina militare australiana

Ghost Shark: il nuovo XLUUV della Marina militare australiana

La Marina militare australiana chiede alla società Anduril di potenziare l'XLUUV Dive-LD per adattarlo alle necessità della forza armata: iniziano così i lavori per dare vita a Ghost Shark

Categorie Ingegneria Navale · Navi Militari · News
Vuoi leggere oltre 10mila articoli di scienza e tecnologia senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

La Royal Australian Navy (RAN) disporrà a breve di Ghost Shark; ovvero un Extra Large Unmanned Underwater Vehicles (XLUUV).  I veicoli unmanned sono veicoli senza pilota. Questi possono essere controllati da remoto oppure impostando una missione attraverso software. Le due più note categorie di droni subacquei sono “ROV” e “AUV”. Esistono poi altri veicoli unmanned, nati da esigenze per lo più militari. È il caso del veicolo XLUUV che sfrutta le maggiori dimensioni per trasportare carichi utili più ingombranti e una suite di sensori più ricca così da adattarsi a qualsiasi tipo di missione.

La collaborazione tra Andruil e RAN per Ghost Shark

Nel maggio di quest’anno, l’azienda Anduril Industries e la Royal Australian Navy avevano già avviato trattative per lo sviluppo di veicoli sottomarini unmanned di grandi dimensioni. Il contratto, dal valore di 100 milioni di dollari, aveva come scopo la produzione di un AUV multi-missione ad elevata autonomia tenendo quanto più basso possibile il costo.

Nasce così Ghost Shark, l’XL-AUV che servirà presto nelle forze navali australiane. Il nuovo AUV è ottenuto modificando il veicolo unmanned Dive-LD prodotto da Anduril. Quest’ultimo è ora alla base di Sydney Harbour; l’azienda Anduril commenta così l’arrivo del veicolo:

“Il Dive-LD è arrivato prima del previsto e rappresenta un importante passo avanti nella partnership tra Royal Australian Navy, Defence Science and Technology Group (DSTG) e Anduril Australia per la progettazione, lo sviluppo e la produzione di tre Ghost Shark XL-AUV in Australia”.

Il progetto di Ghost Shark deve molto al Dive-LD

Il Dive-LD può svolgere missioni di ispezione, rilevamento, e ISR sia in acque costiere che profonde. Estremamente versatile può soddisfare le esigenze militari come quelle commerciali. Il Dive-LD può integrare con facilità carichi utili o suite di sensori. In questo modo è adatto alle più svariate missioni militari. Di serie presenta queste caratteristiche:

  • lunghezza: 5.8 m;
  • diametro: 1.2 m;
  • peso: 2,720 kg;
  • range di velocità: 2 – 7 kts;
  • survey range: 313 nmi.

L’esterno è realizzato con tecniche di stampa 3D mentre con altri processi ciò che riguarda i sistemi interni. Questo permette all’azienda di modificare l’AUV secondo le necessità del cliente. Prima abbiamo riportato le specifiche del modello base ma ovviamente Ghost Shark presenterà qualche piccola differenza.

La Royal Australian Navy (RAN) disporrà a breve di Ghost Shark; ovvero un Extra Large Unmanned Underwater Vehicles (XLUUV).  
Il progetto di Ghost Shark deve molto al Dive-LD; quest’ultimo può integrare con facilità carichi utili o suite di sensori per adattarsi alle più svariate missioni militari (photo: Anduril)

Non perdere gli altri articoli MarineCuE!

Il 30 novembre 2022, il missile AGM-88G AARGM-ER (Advanced Anti-Radiation Guided Missile Extended) di Northrop Grumman completa il suo quarto test di volo. Il missile AGM-88G AARGM-ER migliorerà le capacità non solo delle forze navali ma anche di quelle aeree e terrestri. Ad effettuare il lancio del missile AGM-88G AARGM-ER durante il suo quarto test di volo è il velivolo della US Navy F/A-18 Super Hornet.

I mezzi subacquei della Corea del Sud miglioreranno le loro capacità grazie ai sensori Ultra-Thin Linear. Li fornirà la compagnia coreana LIG Nex1, la quale offre soluzioni nel campo delle telecomunicazioni, veicoli unmanned, guerra elettronica, sorveglianza e altro. Il contratto prevede la fornitura dei sensori di LIG Nex1 per i sottomarini e gli UUV di ultima generazione in possesso della ROK, la Marina militare della Repubblica di Corea.

Le nuove ricerche sul calamaro colossale puntano a trovare e filmare il mastodontico animale entro il 2025. Per farlo lavoreranno a stretto contatto biologi, ingegneri, subacquei e anche l’organizzazione no-profit KOLOSSAL. Il calamaro colossale è il più grande invertebrato su questo pianeta. È uno dei più grandi predatori oceanici; può pesare anche oltre 750 kg e raggiungere la lunghezza totale di circa 12 metri.

Lascia un commento