Home » Il Typhoon Mk30-C RWS di Rafael per una Marina asiatica

Il Typhoon Mk30-C RWS di Rafael per una Marina asiatica

La compagnia israeliana Rafael Advanced Defense Systems si aggiudica uno strepitoso contratto da decine di milioni di dollari che ha per oggetto il Typhoon Mk30-C RWS

Categorie Ingegneria Navale · Navi Militari · News
Vuoi leggere oltre 10mila articoli di scienza e tecnologia senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Non è stata rivelata la nazione interessata al Typhoon Mk30-C RWS di Rafael. Sappiamo che la compagnia israeliana fornirà l’arma ad una Marina militare dell’Asia. La famiglia Typhoon è al momento operativa su 16 Marine militari internazionali tra cui la US Navy e la Royal Australian Navy. Il Typhoon Mk30-C RWS di Rafael può abbattere più UAS di piccole e medie dimensioni e le emergenti minacce rappresentate dai droni, tutto utilizzando un unico carico di munizioni.

Il contratto per il Typhoon Mk30-C RWS di Rafael

Rafael Advanced Defense Systems è una compagnia israeliana che opera nei settori Difesa e aerospazio. Produce armamenti, droni, strumenti di guerra elettronica e tanto altro. L’arma navale controllata da remoto Typhoon Mk30-C RWS, ha suscitato l’interesse di un Paese asiatico al momento tenuto nascosto.

Il contratto ha un valore di decine di milioni di dollari e dura almeno 5 anni; difatti c’è la possibilità di prolungarlo inserendo altri sistemi Rafael. Fino ad oggi, Rafael ha installato oltre 750 NRWS di medio calibro. Il vicepresidente Ran Tavor, responsabile della direzione dei sistemi di guerra navale presso Rafael, è molto soddisfatto del contratto e presenta così l’arma:

“Le nostre applicazioni in campo navale integrano tecnologie innovative e collaudate in combattimento presenti nei sistemi Rafael in una moltitudine di settori, come l’IA e la advanced computer vision”.

Qualche info sul Typhoon Mk30-C RWS di Rafael

Il Typhoon Mk30-C RWS di Rafael garantisce un’ottima difesa contro diverse minacce, neutralizzando anche nemici multipli che attaccano contemporaneamente (swarm attack). Il Fire Control System raggiunge lo stato dell’arte e ingaggia gli obiettivi in qualsiasi condizione meteorologica, sia di giorno che di notte. Può essere installato a bordo di tantissime classi essendo estremamente scalabile.

Il controllo dell’arma è da remoto attraverso una console installata in un luogo protetto per cui non espone l’equipaggio a rischi, anzi migliora le capacità di sopravvivenza della nave. Confrontando il Typhoon Mk30-C RWS di Rafael con le alternative sul mercato è facile rendersi conto che tale arma è anche tra le più economiche nonostante le alte prestazioni promesse.

Specifiche tecniche

  • Riportiamo di seguito le specifiche tecniche indicate da Rafael
  • Tipologia d’arma: 30 mm Mk44
  • Munizioni: 200 pronte all’uso
  • Frequenza di fuoco: 5 rates
  • Peso totale: meno di 1000 kg
Non è stata rivelata la nazione interessata al Typhoon Mk30-C RWS di Rafael. Sappiamo che la compagnia israeliana fornirà l’arma ad una Marina militare dell’Asia. La famiglia Typhoon è al momento operativa su 16 Marine militari internazionali tra cui la US Navy e la Royal Australian Navy. Il Typhoon Mk30-C RWS di Rafael può abbattere più UAS di piccole e medie dimensioni e le emergenti minacce rappresentate dai droni, tutto utilizzando un unico carico di munizioni.
Typhoon Mk30-C RWS (photo: Rafael)

Non perdere gli altri articoli MarineCuE!

Lo yuloh è un remo timone sviluppato dai cinesi per spostare agevolmente piccole imbarcazioni, in genere da pesca. Nonostante le dimensioni e la forma dello yuloh siano tutt’altro che standardizzate, è comunque possibile riconoscerlo da alcune caratteristiche, in primis il funzionamento.

Il 25 novembre si è conclusa l’esercitazione Dynamic Guard 22-2. Ogni sei mesi la NATO dà prova delle sue capacità EW (electronic warfare). L’ultima, conclusasi circa una settimana fa, ha avuto luogo in Italia, in particolare nel Golfo di Taranto. Ha partecipato alla Dynamic Guard 22-2 il gruppo operativo della NATO SNMG2 (Standing NATO Maritime Group). Le navi che ne fanno parte hanno come obiettivo la difesa delle aree alleate, garantendo la libertà di navigazione, sicurezza delle rotte e deterrenza.

È il designer Pierpaolo Lazzarini a presentare il concept del terayacht a forma di tartarugaL’idea è quella di realizzare una vera e propria città galleggiante. A bordo ci saranno alberghi, ristoranti, strutture per l’intrattenimento ma anche porti e aerodromi per navi e aerei in transito. Riuscirà questa pazzesca struttura a galleggiare realmente un giorno?

Le nuove ricerche sul calamaro colossale puntano a trovare e filmare il mastodontico animale entro il 2025. Per farlo lavoreranno a stretto contatto biologi, ingegneri, subacquei e anche l’organizzazione no-profit KOLOSSAL. Il calamaro colossale è il più grande invertebrato su questo pianeta. È uno dei più grandi predatori oceanici; può pesare anche oltre 750 kg e raggiungere la lunghezza totale di circa 12 metri.

FONTI VERIFICATE

 

Lascia un commento