Home » Terayacht a forma di tartaruga: una città galleggiante

Terayacht a forma di tartaruga: una città galleggiante

Il designer Pierpaolo Lazzarini presenta il suo nuovo concept: una città galleggiante a forma di tartaruga. Costerà 8 miliardi e se vedrà la luce sarà la struttura marina più grande mai realizzata!

Categorie Ingegneria Navale · News · Produzioni italiane
Vuoi leggere oltre 10mila articoli di scienza e tecnologia senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

È il designer Pierpaolo Lazzarini a presentare il concept del terayacht a forma di tartaruga. L’idea è quella di realizzare una vera e propria città galleggiante. A bordo ci saranno alberghi, ristoranti, strutture per l’intrattenimento ma anche porti e aerodromi per navi e aerei in transito. Riuscirà questa pazzesca struttura a galleggiare realmente un giorno?

È il designer Pierpaolo Lazzarini a presentare il concept del terayacht a forma di tartaruga. L’idea è quella di realizzare una vera e propria città galleggiante. A bordo ci saranno alberghi, ristoranti, strutture per l’intrattenimento ma anche porti e aerodromi per navi e aerei in transito. Riuscirà questa pazzesca struttura a galleggiare realmente un giorno?
Pangeos può navigare a 5 nodi totalmente in elettrico (photo: Lazzarini design studio)

Si chiama “Pangeos” il terayacht a forma di tartaruga

Pangeos, un nome importante per quella che, almeno sulla carta, è la struttura marina più grande mai realizzata. A sostenere il progetto è una campagna di crowdfunding attraverso cui molte aree a bordo sono messe in vendita, a partire dai locali fino alle residenze più lussuose. L’obiettivo è molto alto, difatti servono circa 8 miliardi di euro per costruire l’imponente terayacht a forma di tartaruga.

Secondo quando detto da Lazzarini, Pangeos potrà navigare e ospitare decine di migliaia di persone. Per quanto riguarda l’alimentazione è tutta elettrica e green grazie ad alcuni accorgimenti che consentono il recupero da fonti energetiche rinnovabili.

Il progetto del terayacht a forma di tartaruga

Una città galleggiante che raggiunge la lunghezza di 550 metri e la larghezza, tra le “ali”, di 610 metri. Il terayacht a forma di tartaruga più grande del Colosseo può ospitare 60 mila persone. È alimentato da 9 motori elettrici da 16.800 CV. A parte i numerosi pannelli solari, le ali della struttura possono sfruttare l’energia delle onde per ricavare elettricità. Secondo lo studio di design, Pangeos navigherà a 5 nodi senza emettere emissioni.

Ci chiediamo se l’idea potrà un giorno concretizzarsi. La cifra enorme di 8 miliardi rappresenta il primo enorme scoglio, a seguire la costruzione. Il terayacht a forma di tartaruga è composto da vari blocchi e 9 prue ma le dimensioni delle varie parti restano comunque enormi. Occorre prima realizzare un cantiere ad hoc per la costruzione di Pangeos e poi procedere per il terayacht. Lo studio italiano è ormai famoso per idee grandiose ed entusiasmanti sia in campo navale che automobilistico; la maggioranza di tali idee tuttavia resta tale. Auguriamo il nostro in bocca al lupo allo studio sperando che l’impresa abbia successo!

È il designer Pierpaolo Lazzarini a presentare il concept del terayacht a forma di tartaruga. L’idea è quella di realizzare una vera e propria città galleggiante. A bordo ci saranno alberghi, ristoranti, strutture per l’intrattenimento ma anche porti e aerodromi per navi e aerei in transito. Riuscirà questa pazzesca struttura a galleggiare realmente un giorno?
La struttura ospita a bordo 60 mila persone (photo: Lazzarini design studio)

Non perdere gli altri articoli MarineCuE!

Le nuove ricerche sul calamaro colossale puntano a trovare e filmare il mastodontico animale entro il 2025. Per farlo lavoreranno a stretto contatto biologi, ingegneri, subacquei e anche l’organizzazione no-profit KOLOSSAL. Il calamaro colossale è il più grande invertebrato su questo pianeta. È uno dei più grandi predatori oceanici; può pesare anche oltre 750 kg e raggiungere la lunghezza totale di circa 12 metri. Secondo gli studiosi vive nelle profondità dell’Oceano Meridionale intorno all’Antartide. Ci auguriamo che questa difficilissima impresa abbia risvolti positivi per comprendere sempre di più il mondo su cui viviamo.

Per la prima volta una donna si presenta in servizio nel ruolo di ufficiale esecutivo (XO) a bordo di un sottomarino della US Navy. Si chiama Amber Cowan la prima donna nel ruolo di XO, ovvero ufficiale esecutivo, a bordo di un sottomarino della US Navy. La posizione le venne affidata il 12 novembre 2022 ovvero quando fu assegnata all’equipaggio del sottomarino USS Kentucky (SSBN 737) classe Ohio.

Il 26 novembre 2022, Garden Reach Shipbuilders & Engineers Ltd (GRSE) vara la terza nave da ricerca indianaL’unita prende nome “Ikshak” e servirà la Marina militare dell’India insieme ad altre navi. In totale la forza armata ha richiesto 4 battelli e con Ikshak già in acqua ne manca solo uno. Il contratto tra il Ministero della Difesa indiano e GRSE risale al 30 ottobre del 2018. Prevede la costruzione di 4 navi da ricerca per un valore totale di 2435 miliardi di rupie. La prima nave costruita da GRSE è stata varata il 5 dicembre 2021.

Lascia un commento