Home » La velista Giorgia Intrieri: dalle banchine all’ORC World Championship 2022

La velista Giorgia Intrieri: dalle banchine all’ORC World Championship 2022

L’Ing. Giorgia Intrieri è una giovane velista che in poco tempo è riuscita a farsi strada nel mondo delle regate. L’abbiamo contattata per sapere di più su di lei e le recenti competizioni a cui ha partecipato

Categorie News

In questo articolo ti racconto l’Ing. Giorgia Intrieri, una giovane velista nata a Crotone. Pratica vela da pochi anni ma è riuscita a guadagnarsi rapidamente la stima di tanti sportivi. Tra le tante regate a cui abbiamo assistito quest’anno ci siamo particolarmente interessati a due competizioni ovvero la Tre Golfi Sailing Week e la ORC World Championship. Giorgia Intrieri ha partecipato ad entrambe le regate dimostrando sul campo il suo talento e noi di CuE le abbiamo chiesto di descriverci la sua avventura a bordo.

Chi è Giorgia Intrieri? Ingegnere navale e tenace velista

Giorgia Intrieri, classe ’91, nasce a Crotone. Maturando negli anni passione per il mare e le imbarcazioni, si iscrive al corso di ingegneria navale prima all’interno dell’Università degli Studi di Genova poi presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II dove termina il suo percorso con la laurea magistrale. Attualmente l’Ing. Giorgia Intrieri lavora all’interno dell’ufficio tecnico Italia Yachts.

L’esordio avviene a marzo 2019: da lungo tempo affascinata dal mondo velico decide di provare in prima persona l’emozione di stare a bordo con altri velisti. L’occasione arriva grazie all’armatore Mario Bellotti che dà a Giorgia una chance a bordo dell’imbarcazione La cage aux folles (XP 33). Dopo pochi ma intensi mesi di allenamenti e trasferimenti, Mario Bellotti assegna a Giorgia Intrieri il ruolo di aiuto prodiere durante la Rolex Capri Sailing Week 2019.

Da lì in poi, Giorgia parteciperà a diverse regate acquisendo esperienza e dimostrando il proprio talento. A bordo di Sexy (X332) parteciperà alla Rolex Giraglia 2019, guadagnandosi il podio con un terzo posto. Nello stesso anno non mancò al Campionato Italiano Assoluto di Vela d’Altura portando con orgoglio i colori dello Yachting Kroton Club.

Altro podio durante la Regata Palermo Montecarlo tenuta ad agosto 2019 durante la quale, con il valoroso equipaggio del maxi Pendragon, vince il terzo posto. Dopo la Coppa Italia tenuta nel mese di ottobre 2019, Giorgia Intrieri entra nel team della pluripremiata Scugnizza (Italia Yacht 1198) vincendo il campionato invernale. Queste sono solo alcune tra le più importanti regate a cui ha partecipato Giorgia, in realtà ne ha affrontate molte di più!

In questo articolo ti racconto l’Ing. Giorgia Intrieri, una giovane velista nata a Crotone. Pratica vela da pochi anni ma è riuscita a guadagnarsi rapidamente la stima di tanti sportivi. Tra le tante regate a cui abbiamo assistito quest’anno ci siamo particolarmente interessati a due competizioni ovvero la Tre Golfi Sailing Week e la ORC World Championship. Giorgia Intrieri ha partecipato ad entrambe le regate dimostrando sul campo il suo talento e noi di CuE le abbiamo chiesto di descriverci la sua avventura a bordo.
L’Ing. Giorgia Intrieri durante una regata

L’esperienza di Giorgia Intrieri durante la Tre Golfi Sailing Week 2022

La Tre Golfi Sailing Week è tra gli eventi velici più amati che si svolgono nel Mar Mediterraneo. Il nome deriva dal fatto che il percorso tocca appunto tre golfi: il Golfo di Napoli, il Golfo di Salerno, il Golfo di Gaeta. L’edizione del 2022 comprendeva la 67^ Regata dei Tre Golfi, il Maxi European Championship, l’ORC Mediterranean Championship. Giorgia ha partecipato a tale competizione ottenendo il secondo posto. Dalle sue parole percepiamo interamente la meraviglia donata agli occhi dei velisti dall’incantevole campo di regata. Il paesaggio unico che fa da scenario alla competizione già di per sé emozionante, rende l’esperienza ancora più magica e indimenticabile.

“La regata Tre Golfi Sailing Week offre un panorama mozzafiato: i velisti navigano tra le isole più belle d’Italia”.

La regata non è solo bella ma anche entusiasmante: alle difficoltà unicamente dovute alla gestione dell’imbarcazione da parte dell’equipaggio si aggiunge l’imprevedibilità della natura. Giorgia racconta che quest’anno il poco vento ha messo in difficoltà i velisti aumentando così le difficoltà. In queste situazioni la cooperazione tra le persone a bordo è fondamentale. Secondo Giorgia occorrono grande pazienza e perizia per assecondare le condizioni metereologiche ed ottenere così risultati:

“Ho affrontato i giorni delle regate sulle boe diversamente rispetto a quelli della regata lunga. I primi furono molto più adrenalinici ma ciò è sicuramente dovuto alla tipologia e alle differenze tra le regate. A bordo di Scugnizza ricordo silenzio e tanta concentrazione da parte di ognuno di noi. L’attenzione è la base per un buon risultato e per noi così è stato”.

Chiedendo poi a Giorgia di descriverci il momento più bello vissuto durante la regata, ci risponde così:

“I momenti più belli li ho vissuti durante la lunga 3 Golfi a bordo di Sexy: nelle manovre difficili ci davamo la carica a vicenda in ogni condizione climatica. Questo è possibile solo se si fa parte di un grande gruppo di amici”.

L’esperienza di Giorgia Intrieri durante ORC World Championship 2022

Il Campionato del Mondo ORC 2022 di vela d’altura è stato un evento organizzato dall’Offshore Racing Congress con lo Yacht Club Costa Smeralda (YCCS). In totale hanno gareggiato 69 imbarcazioni di 16 differenti nazionalità suddivise in 3 classi (A, B e C). Secondo il regolamento ORC sono stati assegnati premi specifici per classe (Corinthian) e assoluti. La competizione iniziò il 25 giugno del 2022 per poi concludersi il 30 giugno. La prima regata ha visto impegnati i velisti per 24h; a seguire le altre regate come da programma senza qualche piccolo problema causato dalle condizioni meteo.

Questa è stata per Giorgia la prima regata mondiale ecco perché l’emozione era tanta. Anche durante la ORC World Championship 2022, Giorgia Intrieri ha dato il massimo come è suo solito fare e raccontandoci la sua esperienza ci scherza anche un po’ su:

“È stato il primo mondiale della mia vita. Si sono verificate condizioni climatiche molto aspre che hanno messo a dura prova l’intera flotta di partecipanti. In prima persona ho vissuto la difficoltà di una competizione di tale portata e devo dire che mi sono procurata anche non pochi lividi: dopo due settimane li avevo ancora!”

Rivolgendole nuovamente la domanda per sapere quale momento, tra gli innumerevoli, le è maggiormente impresso, Giorgia risponde:

“Il momento più bello è stato veder planare un 40 piedi sulle onde! Sarò romantica ma l’issata dello spi in boa, pulita e veloce, da prodiere è adrenalinica”.

Altre regate in vista da non perdere

Giorgia ci ha raccontato con le parole le sue straordinarie esperienze come velista. Per chi non pratica vela è impossibile immaginare nella completezza cosa significhi vivere tali emozioni: competere con altri sportivi esperti e fare i conti col vento, le onde, la pioggia. A coloro che intendono avvicinarsi alla vela, Giorgia raccomanda:

“Per iniziare consiglio di visitare le banchine e cercare un qualsiasi impiego possa portarvi a bordo di una imbarcazione. È importante vivere il mare, accumulando miglia ed esperienza: fatevi vento!“

Noi altri possiamo solo assistere e fare il tifo per coraggiosi velisti come Giorgia Intrieri. Vedremo altre competizioni importanti nel prossimo futuro e auguriamo a tutti gli sportivi che in questo momento stanno leggendo l’articolo il nostro sentito “buon vento!.

Lascia un commento