Home » ROV: veicoli a controllo remoto per lavori sott’acqua

ROV: veicoli a controllo remoto per lavori sott’acqua

Esistono diversi unmanned vehicle, ovvero veicoli senza pilota; il ROV è uno di questi ed è, in maniera molto semplice, un sottomarino a controllo remoto. C’è tuttavia molto di più dietro questa definizione perché un ROV trova infinite applicazioni

Categorie Ingegneria Navale

Gli oceani coprono sette decimi del pianeta Terra, ecco perché è importante l’esplorazione subacquea attraverso battelli o droni come i ROV. Fino a pochi anni fa l’esplorazione dei fondali marini era fortemente limitata. Quando un sommozzatore si immerge, egli subisce la pressione dell’acqua; per questo motivo l’immersione non può avvenire ad elevate profondità. A mano a mano che aumenta l’immersione aumenta anche la pressione dell’acqua fino a divenire insostenibile per il fisico umano. Il rischio di lesioni fisiche ai subacquei diventa sempre più probabile a partire da una profondità intorno ai 40 metri.

I punti più profondi degli oceani non si arrestano però a 40 metri ma sfiorano (o in alcuni casi superano) i 10.000 metri! Come si può allora conoscere tutto ciò che l’oceano ci nasconde? Ecco che ci vengono in aiuto mezzi navali speciali e droni che possono superare in immersione i limiti imposti dal fisico umano.

Gli oceani coprono sette decimi del pianeta Terra, ecco perché è importante l’esplorazione subacquea attraverso battelli o droni come i ROV. Fino a pochi anni fa l’esplorazione dei fondali marini era fortemente limitata. Quando un sommozzatore si immerge, egli subisce la pressione dell’acqua; per questo motivo l’immersione non può avvenire ad elevate profondità. A mano a mano che aumenta l’immersione aumenta anche la pressione dell’acqua fino a divenire insostenibile per il fisico umano. Il rischio di lesioni fisiche ai subacquei diventa sempre più probabile a partire da una profondità intorno ai 40 metri.
This pictures was uploaded by Frank van Mierlo. It was generously donated to the public domain by the Vice President of Oceaneering Mr. Duncan McLean

Che cos’è un ROV?

Il termine ROV sta per “Remotely Operated Vehicle” ed indica una tipologia di droni subacquei. Il ROV è un sottomarino a comando remoto, quindi guidato da un operatore generalmente posto in superficie. Le istruzioni impartite dall’operatore giungono al ROV attraverso un cavo che rimane costantemente attaccato al drone. Il cavo permette all’equipaggio di una nave non solo di manovrare il ROV ma anche di poterlo recuperare facilmente riavvolgendo appunto tale cavo. Il cavo è tuttavia anche un limite abbastanza importante per la missione esplorativa poiché la sua lunghezza determina la distanza massima del ROV dalla nave di appoggio.

Esistono diversi modelli di ROV

I ROV esistono in diversi modelli, questo perché i vari progetti nascono per l’impiego in diverse condizioni operative. Quando si progetta un ROV bisogna stabilire la profondità che si intende raggiungere e quali mansioni il drone deve poi svolgere. Abbiamo sottolineato che la lunghezza del cavo è un limite per le operazioni. È importante allora variare la lunghezza del cavo a seconda della missione. Di norma bastano 305 metri di cavo, difatti nominalmente i ROV affrontano immersioni intorno ai 300 metri.

Alcuni veicoli prendono energia direttamente dalla nave da cui vengono lanciati; altri sono invece dotati di una batteria. La batteria consente al drone di rimanere in acqua anche per diverse ore. L’autonomia è allora un altro aspetto da non trascurare durante l’acquisto.

I ROV non sono solo per l’esplorazione ma possono fare tanto altro

In genere i ROV si utilizzano come fossero dei veri e propri occhi sott’acqua. Hanno delle videocamere per osservare quanto accade intorno ad essi. Attraverso lo stesso cavo con cui ottengono le istruzioni, i ROV inviano dati all’equipaggio in superficie. Ad esempio, volendo indagare in scenari pericolosi, anziché esporre un subacqueo si impiega un drone per ottenere immagini e video direttamente sul posto.

In genere i ROV si utilizzano come fossero dei veri e propri occhi sott’acqua. Hanno delle videocamere per osservare quanto accade intorno ad essi. Attraverso lo stesso cavo con cui ottengono le istruzioni, i ROV inviano dati all’equipaggio in superficie. Ad esempio, volendo indagare in scenari pericolosi, anziché esporre un subacqueo si impiega un drone per ottenere immagini e video direttamente sul posto.
South China Sea (June 12, 2006) – U.S. Navy Photo by Mass Communication Specialist 3rd Class Adam R. Cole

Un ROV trova applicazione anche in altri ambiti differenti a quello dell’esplorazione. Particolari droni sono dotati di strumenti per svolgere dei veri e propri lavori sott’acqua. Può avere delle pinze con cui può raccogliere e manipolare oggetti o sedimenti. Possono avere altri sistemi ed accessori attraverso i quali riescono a raccogliere campioni d’acqua, misurare la temperatura o la salinità e tanto altro.

Quali sono i pro e contro rispetto ad altri droni?

Esistono diversi veicoli unmanned in commercio, bisogna allora effettuare un’attenta valutazione prima di scegliere quello più adatto ai nostri scopi. Un ROV ha pregi e difetti, così come ogni cosa; lavora pertanto meglio in alcuni scenari piuttosto che in altri.

  • Il ROV è legato alla nave d’appoggio. La sua area d’azione è limitata dalla lunghezza del cavo ma è anche vero che lo stesso cavo consente agli operatori il pieno controllo del veicolo.
  • L’equipaggio è al sicuro mentre il drone fa tutto il lavoro. Un ROV ben equipaggiato può svolgere ogni tipo di mansione, dalle più semplici alle più complesse. In scenari pericolosi è importante fare di tutto per proteggere le persone: immergere un ROV può salvare vite.
  • Invia dati in tempo reale. Le informazioni, le immagini ed i video sono istantaneamente a disposizione degli operatori in superficie.
  • L’operatore guida il ROV in tempo reale. Il ROV è telecomandato da un operatore sempre attento e questo non è poco. In caso di pericolo per il drone, l’equipaggio può reagire immediatamente alle minacce, salvando il veicolo e la missione.
  • Può operare senza interferire con altre attività. In alcune aree marine dove sono svolte attività industriali o di ricerca, buona parte dei veicoli unmanned non è impiegabile. Ad esempio, i veicoli autonomi come gli AUV sono suscettibili ad interferenze e potrebbero quindi andare fuori rotta o danneggiarsi. Il controllo remoto evita che il ROV si “confonda” anche in presenza di altri segnali.
  • Mantiene la rotta anche in condizioni meteomarine avverse. È ancora il cavo ad aiutare il ROV a mantenere la rotta, nonostante la presenza di correnti più forti che tendono a spingerlo altrove.

FONTI VERIFICATE

Lascia un commento