SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

OCEA espande la sua flotta: presentata la nuova OSV 250

La nuova nave multiuso OSV 250, presentata durante l’ultimo Euronaval, sarà la più grande nave di supporto offshore mai costruita dalla società transalpina.

OCEA è il leader francese nella costruzione di navi in alluminio e con 30 anni di esperienza nella costruzione di Offshore Support Vessels (OSV). Le OSV sono navi che operano a largo delle coste e che vengono impiegate dai diversi stati per gestire efficacemente la propria zona economica esclusiva. Questa zona è un’area di mare adiacente alle acque territoriali in cui lo stato costiero ha diritti esclusivi di sovranità su risorse naturali, ricerca scientifica, installazione e utilizzo di strutture artificiali. È qui che entra in gioco la nuovissima OSV 250.

Le missioni della nuovissima OSV 250

OSV 250
Credits: OCEA

La nuova OSV 250, che OCEA ha presentato durante l’ultimo Euronaval, si occuperà proprio di gestire questi tratti di mare, svolgendo molteplici missioni tra cui:

  • Ricerche e studi scientifici costieri e d’altura (idrografia, oceanografia, geofisica)
  • Sorveglianza
  • Operazioni di ricerca, salvataggio e recupero
  • Supporto alle attività anti-inquinamento
  • Supporto per immersioni
  • Attività di monitoraggio della pesca
  • Recupero e smaltimento di ordigni esplosivi
  • Assistenza e supporto ad altre imbarcazioni
  • Messa in sicurezza di strutture energetiche sottomarine (condotte e cavi sottomarini)

Per portare a termine le sue missioni, questa nave è equipaggiata con molte tecnologie di ultima generazione. Tra gli strumenti più significativi si trovano un ecoscandaglio per acque profonde, un sonar a scansione laterale, mezzi di campionamento, stoccaggio e analisi di acqua e sedimenti, laboratori all’avanguardia e una barca ausiliaria attrezzata per effettuare rilievi lungo le coste e in acque poco profonde.

Una nave multiuso e modulare

Credits: OCEA

Il nome OSV 250 deriva dalla lunghezza della nave: ovvero 250 piedi (pari a circa 75 metri). Questa caratteristica la rende la più grande della flotta OSV di OCEA. A bordo è capace di ospitare fino a 70 persone tra equipaggio e scienziati, ha una superficie di 200 m2 destinati a laboratori di ricerca, un’elisuperficie per far atterrare e decollare elicotteri e un ampio ponte di poppa.

È una nave multiuso e modulare, progettata per il crescente utilizzo di droni UAV (Unmanned Aerial Vehicle), USV (Unmanned Surface Vessels) e UUV (Unmanned Underwater Vehicles) in svariate operazioni civili e militari. Infatti, conta su un sistema di lancio e recupero pensato e studiato appositamente per questa imbarcazione. La sua spiccata versatilità è data soprattutto da tre le possibili configurazioni che la piattaforma su cui è costruita la nave offre: SC-WB (idrografica – oceanografica) per ricerche scientifiche, MCM (anti-mine) per rilevare e distruggere ordigni navali e SARR (ricerca, salvataggio e recupero).

La nave progettata da OCEA offre eccellenti capacità operative grazie ad una efficace integrazione dei sistemi scientifici e un ridotto impatto sull’ambiente grazie anche all’esperienza guadagnata con la propulsione ibrida. Essa già equipaggiava la sorella minore OSV 190. Rispetto a quest’ultima, la nuova OSV 250, oltre ad avere una capacità di carico maggiore data dalle dimensioni più importanti, ha anche un autonomia del 50% superiore. Questa caratteristica le permetterà di essere una delle migliori navi di supporto offshore e un punto di riferimento per i diversi stati per quanto riguarda il controllo della zona economica esclusiva.

A cura di Alessio Cervelione

CUE FACT CHECKING

CloseupEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su marinecue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.