Poche ore fa è stato avvistato sulla banchina dei Magazzini del Cotone del Porto Antico di Genova il super yacht Khalilah. Perchè salta all’occhio? Poichè completamente dorato. Il super yacht di 49 metri e 500 tonnellate è stato costruito nel 2015 nel cantiere americano Palmer-Johnson in sinergia col costruttore automobilistico Bugatti. Lo yacht, della serie SuperSport, vanta di essere costruito interamente in fibra di carbonio (per la precisione CFRP, carbon fiber reinforced plastic).

Ma oltre alla colorazione pittoresca quello che colpisce sono anche le caratteristiche tecniche ed il modo in cui gli spazi interni sono organizzati. Il super yacht può essere noleggiato presso agenzie di chartering alla cifra di 250.000 €/settimana.

La gestione degli spazi

PH: boatinternational.com

La grandezza del ponte poppiero, 110 metri quadri, è più simile a quella che ti aspetteresti da un’imbarcazione multiscafo. Questo è dovuto in parte alla larghezza dello yacht, 11 metri, larghezza comune a yacht ben più lunghi.

PH: boatinternational.com

L’effetto di spaziosità è resa anche dall’uso estensivo di enormi vetrate che collegano il pavimento al soffitto. Ogni pannello che delimita la sovrastruttura al livello del salone misura 6.6 x 2.2 metri e pesa più di una tonnellata. I vetri, realizzati ed installati dall’azienda neozelandese Glasshape, sono composti da 2 strati di vetro temperato con uno strato interno di resina, con uno spessore totale di 26mm.

Performance

Grazie alle forme ben progettate ed alla costruzione in fibra di carbonio composito (che a detta del costrutture ha permesso un’alleggerimento di 20 tonnellate), il Khalilah raggiunge la velocità massima di 32 nodi pur avendo una potenza modesta. I motori sono due 16V MTU diesel M94, con una potenza massima di 5200hp. Alla velocità massima il consumo si attesta a 1000 litri/ora. Tuttavia con un serbatoio con capacità di 41600 litri e alla velocità di 15 nodi, il Khalilah può effettuare viaggi transoceanici.

Curiosità

PH: boatinternational.com

L’armatore del Khalilah ha evidentemente una passione per l’oro. Infatti persino i blocchi dei due motori hanno ricevuto una finitura dorata. Non è infatti desueto per gli armatori di yacht tanto ricercati fare il primo brindisi nella sala motore, così che gli ospiti possano ammirare la cura nel dettaglio in ogni locale.

Aggiornamento

Guarda altri interessanti dettagli di questo magnifico panfilo, cliccando qui sotto!            Khalilah: Uno yacht tutto d’oro          

 

 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here