Home » Classe Navajo: nuovi ordini per la sezione americana di Austal

Classe Navajo: nuovi ordini per la sezione americana di Austal

La filiale americana di Austal sita a Mobile, Alabama espande la propria produzione alle navi in acciaio con i vascelli di classe Navajo

Categorie Ingegneria Navale

La società austal, nel suo cantiere di Mobile, Alabama, comincerà la costruzione dei nuovi rimorchiatori e navi da soccorso della classe Navajo. Questo permetterà ai cantieri Austal di aumentare la loro presenza internazionale.

Classe Navajo
Una rappresentazione grafica di come apparirà un battello di classe Navajo. Fonte: US Navy

Le prime navi d’acciaio del gruppo Austal

Il gruppo Austal, prima dell’inizio della costruzione dei battelli di classe Navajo per la marina statunitense, aveva solo costruito navi leggere. Per leggere si intendono imbarcazioni interamente in alluminio. Principalmente queste navi sono costruite in alluminio per poter essere leggere e quindi più veloci a pari motorizzazioni. Questo tipo di costruzione non risulta possibile per le navi di classe Navajo. Però la costruzione di imbarcazioni solo in alluminio porta a operare in un ridotto mercato. Nel 2021, la società è stata incaricata di costruire queste nuove navi della classe Navajo. Non avendo alcuna infrastruttura per costruirle, in un anno è stata costruita una nuova infrastruttura per la produzione dell’acciaio. Questa nuova infrastruttura è interamente coperta, e qui verranno costruite le parti delle navi in acciaio. Dopo le parti verranno trasportate alla zona di costruzione finale in cui avverrà l’assemblaggio della nave.

La USS Independence ai cantieri navali Austal di Mobile. Fonte: Wikimedia Commons

Il capannone per la costruzione dell’acciaio è di 170000 ft2, o quasi 16 mila m2. Questa postazione di lavoro è stata pensata per avere la massima produttività. Infatti ha macchinari computerizzati che sono lo stato dell’arte per la produzione e il processo dell’acciaio. Inoltre, permetterà alla Austal di poter applicare quanto già utilizzato dalla Austal per la produzione di navi in alluminio nel processo di produzione di navi in acciaio.

[…] Questo annuncio è un’ottima notizia per Austal USA, l’Alabama meridionale, e gli interessi della difesa degli Stati Uniti. Grazie alla nostra forza lavoro seconda a nessuno e la comprovata esperienza lungo tutta la costa del Golfo, Austal USA ora costruirà navi d’acciaio di altissimo livello alla Marina Statunitense. Non vedo l’ora di vedere questa nave costruita e messa in buon uso per molto tempo.  

Membro del Congresso Jerry Carl

La classe Navajo

La classe Navajo sostituirà tre classi di imbarcazioni della Marina Statunitense e della Guardia Costiera degli Stati Uniti. Le prime navi della classe sono in costruzione dai cantieri navali Gulf Island Fabrication e dai cantieri Bollinger Shipyards. Le prime due navi sono state impostate nel 2019 e nel 2020, mentre il taglio della lamiera della prima nave in costruzione ai cantieri Austal è avvenuto a luglio 2022. Le ultime quattro navi della classe saranno invece costruite dalla Austal Usa. Il numero di navi richiesto alla Austal è aumentato da due a quattro con l’ordine del 23 luglio 2022 di altre due navi della classe Navajo. La classe riprende le navi della guardia costiera della classe Edenton, costruite negli anni 70 e uscite dal servizio attivo negli anni 90. Le navi della classe navajo ora sostituiranno le navi di classe Safeguard e Powhatan.

Le navi saranno lunghe 80 metri e larghe 18, con un pescaggio di 5 metri. Dislocheranno 5169 tonnellate. Queste navi sono pensate per funzionare da rimorchiatori per navi di grandi dimensioni della flotta statunitense. Inoltre, saranno in grado di funzionare nel ruolo di salvataggio e soccorso. Questo potrà essere utilizzato sia nelle missioni militari che in missioni umanitarie. Saranno anche in grado di gestire fenomeni quali lo sversamento in mare di idrocarburi. Le navi sono dotate di due motori diesel della Wartsila, di modello 8L32. Ognuno di questi motori è in grado di sviluppare 6308 cv. La sua autonomia è di 8170 miglia nautiche a una velocità di 15 nodi. I dati di trazione a rimorchio (il cosiddetto “bollard pull”) nonè al momento noto.  Il suo equipaggio sarà di 42 marinai.

Lascia un commento