Home » Barcolana 54 si conclude: il trofeo volerà a New York!

Barcolana 54 si conclude: il trofeo volerà a New York!

La Barcolana 54 volge al termine: tantissima gioia per i vincitori della regata ma anche tanta paura in seguito ad alcuni incidenti avvenuti in mare

Categorie Eventi · Imbarcazioni da diporto · News

La Barcolana 54 si conclude dopo un calendario ricco di eventi. La regata si svolge ogni anno a Trieste, precisamente la seconda domenica di ottobre. I giorni prima della Barcolana intrattengono il pubblico con eventi sia a terra che a mare. Molta attenzione quest’anno al tema ambiente con progetti dedicati soprattutto ai giovanissimi. Termina dunque la 54° edizione della regata internazionale che ha raccolto a Trieste gli appassionati della vela.

La Barcolana 54 si conclude: vince la Deep Blue!

A vincere la Barcolana 54 è l’imbarcazione Deep Blue che taglia il traguardo in 57’47”; seguono le barche Arca sgr e PORTOPICCOLO PROSECCO.DOC / LA BETE che conquistano rispettivamente secondo e terzo posto. L’armatore è Wendy Schmidt la quale, oltre a questa fantastica vittoria, porterà a casa anche il Trofeo Generali “Women in Sailing”. Per la prima volta un unico team vince entrambi i Trofei. Wendy Schmidt commenta così la vittoria:

“Sono contenta per il mio team e per tutti coloro che hanno lavorato duramente tutto questo tempo: navighiamo insieme da 15 anni! Grazie Trieste! Le persone sono state davvero meravigliose qui, è stato un piacere navigare e godere di questo bellissimo paesaggio naturale. Ora comprendo perché tutti adorano navigare in questa regata e in questa città”.

La Barcolana 54 si conclude dopo un calendario ricco di eventi. La regata si svolge ogni anno a Trieste, precisamente la seconda domenica di ottobre. I giorni prima della Barcolana intrattengono il pubblico con eventi sia a terra che a mare. Molta attenzione quest’anno al tema ambiente con progetti dedicati soprattutto ai giovanissimi. Termina dunque la 54° edizione della regata internazionale che ha raccolto a Trieste gli appassionati della vela.
Wendy Schmidt (photo: Barcolana.it)

Per quanto riguarda le altre competizioni, innanzitutto ci congratuliamo con Irina (RYC) che vince la classifica Overall seguita da Karnak (FSV) e QQ7 (CVR). Ancora Irina (RYC) vince la classifica ORC. Nella sfida One Design organizzata dalla Società Nautica Grignano trionfa Mirco Pittarello su Forever per i Melges. Tra i Meteor invece porta a casa il primo posto Engy di Engy Sailing Team.

Raffica di Davide Rapotec (STSM) vince la prova per la classe Melges 24 della Barcolana by Night Snam Cup. Engy di Stefano Pistore vince tra i piccoli Meteor. Tra gli Ufo, invece, trionfa Bandito che quest’anno ha partecipato con un grande cuore rosso e la scritta “Roby” sulla vela. Un messaggio d’affetto per Roby Vencato, una leggenda nel mondo della vela.

La Barcolana 54 si conclude anche con qualche nota di tristezza

Non tutti purtroppo hanno terminato l’esperienza della Barcolana 54 col sorriso. Molte barche si sono scuffiate e tre rovesciate. I soccorsi sono intervenuti celermente per mettere in salvo gli equipaggi che hanno rischiato grosso. Uno di essi riporta un trauma toracico: anche se non è in gravi condizioni è stato comunque necessario trasportarlo al pronto soccorso di Cattinara.

Non perdere gli altri articoli MarineCuE!

I ricercatori dell’AWI pubblicano sulla rivista Environmental Pollution uno studio riguardo gli effetti dell’inquinamento acustico su animali marini spesso trascurati ma indispensabili per la salute degli oceani. L’inquinamento acustico causato dalle attività umane disturba la vita nei fondali marini. Gli oceani non sono silenziosi come siamo portati a credere: le onde sonore permettono a molti organismi di comunicare e nuotare. I rumori umani disturbano i suoni già presenti sott’acqua a danno degli esseri viventi che se ne servono.

La nave scuola Amerigo Vespucci è la nave più datata ancora in servizio della Marina Militare ItalianaOgni volta che la si incontra è impossibile non restarne affascinati, ancor più se colui che la osserva ne conosce la storia. Nasce sotto il Regno d’Italia sotto Re Vittorio Emanuele III col preciso intento di trasmettere la passione per il mare agli allievi della Regia Accademia Navale. Dagli anni venti ad oggi compie il suo dovere impeccabilmente.

Lascia un commento