Home » AWHERO di Leonardo: primo della categoria con certificazione militare

AWHERO di Leonardo: primo della categoria con certificazione militare

Leonardo continua sulla scia dello sviluppo di soluzioni all'avanguardia nel campo dei veicoli senza pilota. Le tecnologie a controllo remoto, così come quelle autonome, hanno una posizione di rilievo all’interno del Piano BeTomorrow2030 di Leonardo

Categorie News · Nuove costruzioni · Produzioni italiane

AWHERO riceve la certificazione militare dalla DAAA, Direzione degli Armamenti Aeronautici e per l’Aeronavigabilità italiana: è la prima volta in assoluto per un RUAS (Rotary Unmanned Aerial Systems) appartenente a quella classe di peso.

AWHERO riceve la certificazione militare dalla DAAA, Direzione degli Armamenti Aeronautici e per l’Aeronavigabilità italiana: è la prima volta in assoluto per un RUAS (Rotary Unmanned Aerial Systems) appartenente a quella classe di peso.
Leonardo: AWHERO brochure

AWHERO: ennesimo prodigio realizzato da Leonardo

Leonardo è ormai un riferimento indiscusso quando si parla di Aerospazio e Difesa. L’azienda si occupa di velivoli, droni, sistemi d’arma, radar, cyber security, comunicazioni satellitari e così via. Offre anche corsi di addestramento per piloti e tecnici tramite software 3D e corsi in aula.

Leonardo è l’unica azienda in Europa in grado di sviluppare in toto veicoli unmanned. L’azienda italiana progetta da sé qualsiasi sistema sia necessario ad un veicolo senza pilota per svolgere la propria missione. Il sistema di pilotaggio remoto AWHERO nasce così dall’eccezionale esperienza nel settore acquisita da Leonardo.

AWHERO ottiene la prima certificazione militare al mondo per un RUAS di tale classe peso

L’AWHERO di Leonardo ottiene la prima certificazione militare al mondo per un Rotary Unmanned Aerial Systems appartenente alla sua classe di peso. La certificazione militare rispetta le richieste dello standard NATO STANAG 4586 relativo agli elicotteri a pilotaggio remoto.

AWHERO sfrutta una Ground Control Station (GCS) in tutte le fasi del volo, qualunque siano le condizioni della missione. La GCS permette la trasmissione di informazioni, foto e riprese in tempo reale così che l’operatore possa rapidamente modificare la missione anche se questa è già in corso.

L’AWHERO ha molto in comune agli elicotteri in servizio

Il progetto è stato curato ragionando sui requisiti del drone come se fosse un elicottero. AWHERO non nasce esclusivamente per l’ambito militare. Può essere impiegato efficacemente anche in operazioni di sicurezza pubblica, questo perché risulta un veicolo altamente versatile.

Può trasportare carichi nella parte frontale oppure ai lati. Dal sito ufficiale di Leonardo apprendiamo che è possibile allestire il drone anche con carichi modulari diversi, combinando ad esempio un radar con una torretta EO/IR. Per carichi più pesanti o ingombranti, Leonardo suggerisce gli alloggiamenti laterali.

Caratteristiche principali del veicolo

Abbiamo già detto che AWHERO è un veicolo estremamente versatile. Può inviare dati in tempo reale, video in diretta e immagini radar. Non solo trova impiego in operazioni di intelligence, ricognizione e sorveglianza ma può anche migliorare le capacità di altri sistemi, facendo ad esempio da ponte radio per le comunicazioni con altri droni. Di seguito riportiamo alcuni dati tecnici consultabili sul website di Leonardo.

  • Peso massimo al decollo: 200 kg class
  • Carico utile: 85 kg
  • Lunghezza: 3,70 m
  • Altezza: 1,20 m
  • Motore: Heavy Fuel (JP-5, JP-8, Jet A-1)
  • Autonomia: 6 ore (calcolata con un payload da 35 kg)
  • Velocità massima di crociera: 90 kts

Be Tomorrow – Leonardo 2030: le ambizioni dell’azienda italiana

Leonardo si riconosce come “motore di sviluppo e innovazione” per molte nazioni. Nei Paesi clienti l’azienda italiana s’impegna nello sviluppo di tecnologie e soluzioni digitali sempre più complessi. Il settore dei veicoli a controllo remoto e/o autonomi è di fondamentale importanza in questa direzione.

Sono ogni volta più impegnative le richieste provenienti dalle forze armate, desiderose di strumenti sempre più performanti. È il caso della Royal Australian Navy, che valuta le proposte del team Leonardo Australia e Northrop Grumman Australia per sistemi aerei autonomi da impiegare in operazioni di sorveglianza.

“Abbiamo una visione chiara del nostro percorso strategico: rafforzare e trasformare il business per crescere e accelerare il percorso di innovazione, per incrementare la competitività nel lungo periodo”.

Alessandro Profumo
L'azienda italiana s’impegna nello sviluppo di tecnologie e soluzioni digitali sempre più complessi. Il settore dei veicoli a controllo remoto e/o autonomi è di fondamentale importanza in questa direzione. AWHERO.
Leonardo: AWHERO brochure

Ti interessano i veicoli unmanned? Leggi anche gli altri articoli!

Madfox è l’ultima creazione di NavyX per la Royal Navy. Il nuovissimo Madfox è un veicolo autonomo di superficie ed è in fase di test dall’estate 2021. In questi mesi NavyX lavorerà ad altri USV: l’obiettivo è creare più veicoli che possano svolgere diversi compiti in ausilio alla marina britannica.

Schiebel Aircraft e Areté Associates presentano il CAMCOPTER S-100 Unmanned Air System (UAS) combinato con il sensore Pushbroom di Areté all’Office of Naval Research (ONR) della Marina degli Stati Uniti. Tra i sistemi a bordo sottolineiamo che è presente un GPS standard ma il CAMCOPTER S-100 può volare anche dove il GPS non è disponibile!

FONTI VERIFICATE

Lascia un commento